Vergogna clandestina

Era il martirio di mia sorella schiava
con gli occhi esterrefatti che subiva,
era la gola del fratello assetato
arsa dal fuoco nelle prigioni in Libia,
era la speranza del padre sconsolato
che mi affidava a quel viaggio ignoto,
era l’urlo straziato di mia madre muta
che chiedeva aiuto tra le onde scure,
è la mia vergogna falsa e clandestina
che maledice il dio dell’indifferenza.

(Salvatore Castrianni, 2020)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: