Noi saremo (Paul Verlaine)

Noi saremo, a dispetto di stolti e di cattivi
che certo guarderanno male la nostra gioia,

talvolta, fieri e sempre indulgenti, è vero?
Andremo allegri e lenti sulla strada modesta

che la speranza addita, senza badare affatto
che qualcuno ci ignori o ci veda, è vero?

Nell’amore isolati come in un bosco nero,
i nostri cuori insieme, con quieta tenerezza,

saranno due usignoli che cantan nella sera.
Quanto al mondo, che sia con noi dolce o irascibile,

non ha molta importanza. Se vuole, esso può bene
accarezzarci o prenderci di mira a suo bersaglio.

Uniti dal più forte, dal più caro legame,
e inoltre ricoperti di una dura corazza,
sorrideremo a tutti senza paura alcuna.

Noi ci preoccuperemo di quello che il destino
per noi ha stabilito, cammineremo insieme
la mano nella mano, con l’anima infantile
di quelli che si amano in modo puro, vero?

(Paul Verlaine)
Continua a leggere

Annunci

Lasciateci il ricordo

Lasciateci il ricordo
del nostro amore assai lontano,
delle occasioni perdute
per inseguire entusiasmi irreali.
E senza rimpianto alcuno
scriveremo del tempo
che il cuore nostro scandì,
dei desideri che il passato
sotto chiave geloso conserva.

(Salvatore Castrianni, Ladro di Emozioni, Ed. Il Filo, 2006)
Continua a leggere

Lettere (Alda Merini)

“a Silvana Rovelli”.

Rivedo le tue lettere d’amore
illuminata, adesso, dal distacco;
senza quasi rancore…

L’illusione era forte a sostenerci;
ci reggevamo entrambi negli abbracci
pregando che durassero gli intenti,
ci promettemmo il «sempre» degli amanti,
certi nei nostri spiriti d’Iddii…

E hai potuto lasciarmi,
e hai potuto intuire un’altra luce
che seguitasse dopo le mie spalle!

Mi hai suscitato dalle scarse origini
con richiami di musica divina,
mi hai resa divergenza di dolore,
spazio per la tua vita di ricerca
per abitarmi il tempo di un errore

…E mi hai lasciato solo le tue lettere
onde ne ribevessi la mia assenza!

(Alda Merini, Gennaio 1949)

alda-merini-poetessa-milano-foto-giuliano-grittini-1024x500.jpg

Gabbiani (V. Cardarelli)

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca.

(Vincenzo Cardarelli)
Continua a leggere

È la teologia del bisogno

È la teologia del bisogno,
che mai nessuna religione
sarà in grado di spiegare,
che svilisce ogni sparuta
forma di carità uggiosa.
E ancora sono i templi,
che odorano di cera,
i tumuli d’ogni miseria
e quegli inni blasfemi
la cui salmodia echeggia
fra le volte, le absidi, i cori
e l’indifferenza divina,
sacramentando, osanna.

(Salvatore Castrianni, Ladro di Emozioni, Ed. Il Filo, 2006)
Continua a leggere

Bacerò cento labbra ancora

Bacerò cento labbra ancora,
se domani te ne andrai da me,
e su mille volti sconosciuti
cercherò il tuo fascino, amore,
finché non troverò la vaghezza
degli sguardi tuoi maliziosi.

(Salvatore Castrianni, Ladro di Emozioni, Ed. Il Filo, 2006)
Continua a leggere

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale (Montale)

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

(Eugenio Montale, Satura, Xenia II)
Continua a leggere

Ho quasi paura (Paul Verlaine)

Ho quasi paura, in verità,
tanto sento la mia vita allacciata

al pensiero radioso
che l’anima mi ha preso l’altra estate,

tanto la tua sempre cara immagine
abita in questo cuore tutto tuo,

questo mio cuore soltanto bramoso
di amarti e di piacerti!

Io tremo – e tu perdona
la mia estrema franchezza –

se penso che un sorriso, una parola
da parte tua son legge ormai per me,

e che ti basterebbe un solo gesto,
una parola, un battito di palpebre,

per chiudere il mio essere nel lutto
della sua celeste illusione.

(Paul Verlaine)
Continua a leggere